Gara d’appalto internazionale

Apriamo questa sezione con l’incipit di un articolo del Sole 24 Ore, che a sua volta riporta i contenuti di una sentenza del T.A.R. del 2011, con cui si sottolinea la necessità, da parte di chi intende partecipare a una Gara d’Appalto, di presentare documentazione tradotta e asseverata – certificata.

“Con sentenza n. 325/2011 il T.A.R. Lazio, Roma, sez. III-ter, ha riconosciuto la legittimità del provvedimento di esclusione adottato dalla stazione appaltante, nei confronti di una società che aveva fornito documentazione in lingua straniera non corredata da apposita traduzione giurata in lingua italiana. In particolare la società ricorrente aveva preso parte ad una gara […] presentando una documentazione, attestante i requisiti (capacità economica-finanziaria e tecnica) posseduti da una sua ausiliaria, in lingua inglese e non accompagnata da traduzione giurata […]”

(Fonte: Sole 24 Ore; grassetto aggiunto)

Come si apprende da tale fonte, il giudice amministativo ha sottolineato che la presentazione delle certificazioni in lingua straniera sprovviste di traduzione ufficiale equivale alla mancata produzione delle medesime.

È indispensabile che tutti i documenti, dal capitolato agli altri documenti del bando, vengano tradotti e certificati dal traduttore.

Giulia Ghizzoni è traduttore certificato iscritto all’Albo dei Periti ed Esperti della Camera di Commercio (PG, n. 714). Anche tramite colleghi fornisce traduzione ufficiale dei documenti per gara d’appalto per italiano, inglese, portoghese e cinese e, tramite la collega Dr.ssa Ferro, gestisce anche spagnolo, francese e tedesco.

Ha Studio in Perugia e Livorno, ma tramite spedizioni tracciabili con corriere DHL fornisce traduzioni ovunque: in Italia e nel mondo.